漫画誌 テオ美術館 #40

漫画誌 テオ美術館 #40

2016年、日本とイタリアは国交樹立150周年を迎え、様々な記念式典が行われています。まさにその年に私たちが日本を訪れることになった事情は、これらの公式行事とはあまり関係はありません。しかし、もちろん何らか係わり合いが生じたことは否定することはできないでしょう。

私自身について話すなら、日本との関係は32年になります。日伊国交150周年よりも短いとはいえ、私にはずっと意義ある時間に思えます。この2016年に、私は5回目に日本に戻ってきました。最初の訪問は桜の季節でした。

60年代末から70年代初頭にかけてミラノの「チネマ・アドリアーノ」では、昭和期の怪獣「ゴジラ」映画の初シリーズが上映されていました。1954年から1975年にかけての作品で、その特撮はおもちゃの自動車を使っているような非常に素朴なものでした。実は、「明るい平和」という意味の昭和期とは、昭和天皇裕仁(1926-1989)が在位していた時代を言います。

ちょうど私が東京からミラノに帰ろうとしていたとき、昭和天皇崩御を報じる198917日の号外が配布されたので、その死がどのように伝えられたのかを話す機会を授かることになりました。これらの号外に掲載されていた公式写真が後に「ムゼオ・テオ アートファンジン#2」のカバー写真となったのです。

1973年、ツーリング・クラブ・イタリアーノが、イタリア国内のガイドブックや地図とともに、会員への付録として世界の主要都市を取り上げたシリーズで「ここ東京」(「Qui Tokyo」)というを出版しました。それが私のイマジネーションに何らかの影響を与えることになったのは間違いありません。しかし、異なる記号の世界を知りたいという思いは、ランベルト・ピニョッティのおかげもあり、その翌年形を成してきたのです。たとえ彼の著作「プブリ・チッタ」(「Pubbli-Città」)の中には東京の写真はわずか一枚、しかもたいした意味もないものであったにしても……。

私のプロジェクトが具体化するまでに10年かかりました。 その頃いろいろなことが重なりそちらにかかりきりでしたので、プロジェクトについて少し上の空だったのかもしれません。しかし、気持ちを入れ替え、5年間 - 1980年代半ばから後半にかけて - で、別府の地獄めぐりから北海道の湯滝まで、ほぼ日本全国を回りました。私たちの金沢特派員、フランチェスカは、私が30年以上も前に日本を訪れていたことに驚いています。「84年ですって?どうやったの?今でさえ英語を話せる人は少ないのに、当時ならあなたのことをエイリアンと思ったことでしょう・・・・・・」まさにその通り。私はみんなの注目の的でした。ある学校の先生と生徒たちのグループは、阿蘇山で私と一緒に記念撮影することを求めてきました。あるバスの運転手は、それより何年も前にイタリア人を見たことがあると教えてくれました・・・・・・。また、部屋の中で唯一の白人である私を見て驚きを隠せず、私にも何となくわかるような一言「この外人の方は外人さんですか?」と聞いた東京のある会社員 − その方は私の友人美智代の同僚なのですが  のことは言うに及びません。

20年後、200812月から20091月にかけて「ムゼオ・テオ+」の探索者グループが日本を縦断しました。よく知られた観光コースを一部辿り、伝統を受け継ぐ場所や超モダンな場所を訪れ、目黒不動の縁日や下北沢の居酒屋で、私たちは唯一の白人としてまたも地元民の関心を引きながら。広島に向かう電車の中では、イタリア人とわかり、ある年配の男性が私を見つめ何度も繰り返して言いました。「ゴット・ファゾ、イタリア、ゴット・ファゾ……」。そうです、「ゴッド・ファーザー」という英単語をシラブルごとに発音していたのです。最後には私にもそれがわかりましたが、マフィアというありきたりの連想 にさりげなく微笑む以外に何ができたことでしょう?

2016年も再び同じ旅程で、場所、記憶、新たな提案、とりわけ人物を訪ねて回りました。それは、よく旅慣れた旅行者(そういう人たちもいますが)の経験というより、ジョバンニとカムパネルラの銀河めぐりように行って戻ってきた人たち、外国人として日本(または、イタリア)に住んでいるまたは住んでいた人たち(時に自分たちの祖国でさえ外国人のように、またはエイリアンのように感じることもありながら)の経験を通じて両国の関係を浮かび上がらせていくためです。

プライベートな側面と向き合うのはいつも容易なことではありませんが、わたしたちはできると信じていました。たとえお花見の印象やお好み焼きのとっておきの作り方を聞くだけでは十分でないにしても。それらもまた知りたいことではあるのですが。

アジア全土を自転車で旅し1967年にイタリアに到着した長沢英俊氏の伝説は良く知られています。彼の公式な伝記の中でも「自転車の盗難を運命と理解し、長沢はミラノに定住することにした」と触れられているように、禅の精神をもって、彼はイタリアに留まることにしたのです。彼のストーリーを直接話してもらうこともできたのですが、1955年以来東京在住のマチルデ C.の思い出を始めとして、私たちはもう少し控えめな人生談(といって、冒険心に欠けているということではないのですが)を集めることにしました。東京で私たちは、アーティストで活動家のヴィンチェンツォ、写真家のロレンツォ、イタリア留学経験のあるうららや克哉、インペリアの芸術学院から文化服装学院に移った晶、また早稲田大学で教鞭をとるフランチェスコに会いました。ミラノ在住の日本人の話も興味深いものです。デザイナーから料理長になった美智代、タンゴの先生である万希子、ソムリエの勉強もしたジャーナリストの由紀。イタリアからは、日本に10年以上滞在していた経験に基づく日本語についてのベッタの考察、アンドレアのFB日誌、沖縄のスピリットを探求するフランチェスコ、茶道の先生アルベルトなど、もちろん「ムゼオ・テオ+」の探索者グループの話も、そしてそれ以外の方々の話もたくさんあります。
[txt GIOVANNI BAI traduzione YUKI KUMAGAWA]


MA(N)GAZINE
The anniversary of the one-hundred-and-fifty-years relationship between Italy and Japan is celebrated in 2016 with the due commemorations. It is also the year when we decided to visit Japan: our purpose was somewhat different, but there's no denying that we were taken up by the events.
My personal connection with Japan has been going on for thirty-two years and, all proportions respected, this period seems to me much more significant than the one and a half century of the official celebrations: in 2016 I have toured Japan for the fifth time, the first in the sakura period, which is the blooming season of cherry trees.
During the late 1960's and the early 1970's, the cinema Adriano, a bygone venue of Milan, featured the first Godzilla series Godzilla, King of the Monsters spanning from 1954 to 1975 and set in the Shōwa era whose unsophisticated special effects created with toy cars appear now quite naive. Historically the Shōwa era, meaning the time of the Bright Peace, corresponds to the reign of Hirohito (1926-1989).
I have already reported how the paper vendors broke the news of his death screaming in the streets on January 7, 1989, while I was leaving Tokyo to get back to Milan: the official picture published by the press would then become the cover page of the Museo Teo artfanzine #2.
In 1973, Touring Club Italiano printed the book Qui Tokyo in the series dedicated to international capitals. It was sent to subscribers together with plans and guidebooks of Italy: this must have had an impact on my imagination, but the idea of getting in touch with a world of different signs took shape the following year thanks to Lamberto Pignotti, even if his book Pubbli-Città shows a single picture of Tokyo, and one not so relevant…
It would take me ten full years to accomplish my project, which had been probably stored in the recesses of my mind while all that was happening swept me away from it. Yet, I made up for lost time and in a matter of five years – the second half of the 1980's – I canvassed nearly the whole of Japan, from Beppu's hellish springs to Hokkaido's hot ones. Francesca, our correspondent in Kanazawa, was amazed on hearing that I had been there more than thirty years previously: «Wow, in 1984?! How did you do it? Still now, few people speak English and in 1984 you must have passed for an alien creature…». Yes, I was an intriguing item. A teacher and his students asked to take a picture with me on the volcano Aso, a bus driver managed to convey the message that he had seen an Italian many years ago… not to mention the employee of a Tokyo enterprise, a colleague of Michiyo, who, coming into a room where I was obviously the only white person, said with unconcealed surprise something which I could interpret as: «The stranger is a foreigner, isn't he?»
Twenty years later, between December 2008 and January 2009, a group of MUSEOTEO+ scouts travelled all over Japan to reconnoitre the sites of tradition and of hypermodernity, partly retracing well-known itineraries, and once again arousing the curiosity of the local people as the only "whiteskins" at the ennichi festival in the temple of Meguro Fudo, or in a tavern of Shimo Kitazawa. On the train to Hiroshima, once we were identified as Italians, an old man kept repeating: «Gotto faso, Italia gotto faso» Of course, that was the English pronunciation of Godfather according to the syllabic alphabet. At last I caught the gist, and what could I do but crack a smile at the patent allusion to the mafia?
In 2016, again the same itineraries, looking for places, memories, new suggestions, above all persons, in order to emphasize the relationships between the two countries by means of the experiences not so much of well-informed travellers (which were nonetheless at the core of it), as of wanderers who went and came back through the Milky Way, like Giovanni and Campanella in Kenji Miyazawa's fantasy novel Night on the Galactic Railroad. In short, as aliens living now or in the past like strangers, sometimes feeling so even in the native places.
The private context is never an easy issue to approach, but we deemed it was possible, though it does not just consist of investigating impressions on cherry tree blossoms or secret recipes to cook okonomiyaki — however interesting they might be to know.

The legendary story of Hidetoshi Nagasawa is quite popular. In 1967, he arrived in Italy after cycling all the way across Asia. And here he settled, in the spirit of zen, as his official biography recounts: «When his bike was stolen, that looked like a sign of destiny to Nagasawa and he decided to stay in the capital city of Lombardy». Well, we could have chosen to collect directly his story, but we preferred other lives, less sensational but not less adventurous, starting with the recollections of Matilde C., who has been a resident in Tokyo since 1965. Again in Tokyo we met Vincenzo, artist and activist; Lorenzo, photographer; Urara and Katsuya who studied in Italy; Masa, moving from the Art Institute in Imperia to the Bunka Fashion College; finally, Francesco, a teacher at the Waseda University. Some Japanese women in Milan have amazing backgrounds: Michyo, former designer then cook; Maki, tango teacher; Yuki, journalist also studying oenology. From Italy come Betta's considerations about the Japanese language on the basis of her ten-year experience in Japan and, of course, the reports of MUSEOTEO+ scouts, including Andrea's chronicles on FB, the search for Okinawa's spirits by Francesco, the stories of Alberto, tea master at the tea ceremony, and many others. 
[traduzione  NADIA BOARETTO]

OCCHI ORIZZONTALI

OCCHI ORIZZONTALI. UNO SGUARDO SUL GIAPPONE
In occasione della pubblicazione di MA(N)GAZINE – Milano/Tokyo numero 40 della rivista internazionale di arte contemporanea Museo Teo Artfanzine, ARTEPASSANTE e MUSEOTEO+ presentano la mostra OCCHI ORIZZONTALI. UNO SGUARDO SUL GIAPPONE (a cura di Giovanni Bai e Carolina Gozzini) nelle vetrine del Passante Ferroviario di Porta Venezia dal 10 novembre all’11 dicembre 2016.
Gli occhi orizzontali sono quelli di Yuki Kumagawa secondo la Questura di Milano, come ci racconta nel suo articolo «Il paese degli occhi verticali?» scritto per il numero 40 di Museo Teo Artfanzine dedicato al Giappone e alle relazioni tra Italia e Giappone attraverso le esperienze e le storie di persone che vivono dall’altra parte del mondo rispetto a dove sono nate, o che vi hanno vissuto e sono ritornati (Italiani in Giappone e giapponesi in Italia, insomma, ma anche giapponesi in Giappone e italiani in Italia…).
Ma orizzontali sono anche gli occhi dei dodici autori (/trici), molti fotografi professionisti e altri professionisti in altri settori come la storia dell’arte, l’architettura, il teatro, la psicologia.  Alcuni in Giappone ci vivono e/o hanno sposato un/a giapponese, altri hanno un rapporto più che trentennale con questo paese, tutti comunque hanno esplorato il Giappone non (solo) come turisti, ma con uno sguardo a tutto tondo, uno sguardo orizzontale quindi, tipico dei viaggiatori, che farà rivivere lo spirito originario di Artepassante, coerentemente con le mostre presentate da MUSEOTEO+ negli anni scorsi negli spazi del Passante Ferroviario di Repubblica.
In mostra immagini di Andrea Bader, Giovanni Bai, Lorenzo Barassi, Vincenzo Coronati, Francesco Flamini, Carolina Gozzini, Andrea Mauri, Nicoletta Meroni, Alberto Moro, Lucia Salvan, Francesca Simone, Mario Tedeschi.

Nel periodo della mostra saranno realizzati eventi di presentazione della rivista MA(N)GAZINE, sia negli spazi del Passante Ferroviario di Porta Venezia che in spazi esterni, in particolare dal 22 al 25 novembre 2016 presso la galleria Grossetti Arte di Mlano.

La mostra è aperta tutti i giorni dal 10 novembre all'11 dicembre 2016 negli orari di funzionamento del Passante Ferroviario, dalle sei del mattino a mezzanotte circa.
Accesso dal lato nord della Metropolitana Porta Venezia, Corso Buenos Aires angolo Viale Regina Giovanna.

Carolina Gozzini

Andrea Mauri

Lorenzo Barassi

Mario Tedeschi
Vincenzo Coronati

Andrea Bader

Francesca Simone

Lucia Salvan

SI VIVEVA BEATI


Si viveva beati 
Museo Teo 
per gallerialanotte Nowhwere gallery 
partecipa a Photo Vogue Festival 
22-26 novembre 2016


Mercoledì 28 Settembre  2016
SI VIVEVA BEATI
A CURA DI MUSEOTEO+
ore 21 Grand Opening

NOWHERE 
via del Caravaggio 14 
20144 Milano 
Tutti i giorni dalle 21.00 /// from 9.00 pm

Mercoledì 28 Settembre  2016
18.30 - 21.30
Inaugurazione della mostra di Luca Coclite
SUPERFLORA
cura di Laura Perrone
Fino al 18 Novembre [2016]
Lunedì/Venerdì 15.00 - 19.30 o su appuntamento
+39 329 21 53 299



Si stava bene nell’isola, si viveva beati, / si cacciava e si pescava, tutto quel che vi cresceva / si prendeva e si mangiava, gnam, gnam. / Si stava bene nell’isola, si girava tutti nudi, / se una coppia si piaceva non appena si incontrava / dentro ai boschi si faceva zuk zuk. / E i bambini nascevano in grande quantità, / ma non figli di nessuno, no no, erano figli di comunità”.

Bella più di tutte era quella non trovata, secondo Guccini. Apparentemente banale, la mitologia dell’isola ci porterebbe in territori incontrollabili: Museo Teo non si accontenta dei sogni, li vuole realizzati.
Certo l’isola cantata da Duilio Del Prete è utopia, ma quella della foto esiste davvero. Keros è inabitata a inabitabile, ma se è la prima cosa che vedi al mattino e poi puoi seguire durante tutta la giornata il cambiare della luce e dei colori, allora ti convinci che la bellezza esista ancora, e il pensiero non può non andare a Walter Benjamin: “Che cos’è, propriamente, l’aura? Un singolare intreccio di spazio e di tempo: l’apparizione unica di una lontananza, per quanto questa possa essere vicina. Seguire placidamente, in un pomeriggio d’estate, una catena di monti all’orizzonte oppure un ramo che getta la sua ombra su colui che si riposa – ciò significa respirare l’aura di quelle montagne, di quel ramo”…  
Vent’anni fa sembrava che tutto il Parco Sempione – bonghi compresi, ovvio – si fosse trasferito lì, ma fino a trent’anni fa quella utopia non era così lontana. In attesa di tornare sull’isola Museo Teo offre uno spicchio di bellezza e speranza a tutti voi.

QUI NON SI DORME MAI


In occasione della Undicesima Giornata del Contemporaneo promossa da Amaci(Associazione Musei di Arte Contemporanea Italiani) il 10 ottobre 2015 MUSEOTEO+ (associazione non profit per la diffusione dell’arte contemporanea e lo sviluppo di una cultura sociale delle immagini) ha presentato negli spazi di Macao (Nuovo Centro per le Arti, la Cultura e la Ricerca) a Milano Pensione Macao, una mostra-evento realizzata per festeggiare il proprio venticinquesimo compleanno. In mostra anche la installazione A Big Moment di Patrizio Raso e i lavori del gruppo BauBaus.
Per l’occasione è stato pubblicato Museo Teo artfanzine #38. Pensione Macao, a cura di Giovanni Bai con il progetto grafico di Salvatore Zingale: tra i contributi il testo di Patrizio RasoBaubaus. Il verso dell’arte.

MUSEOTEO+ è presente a QUI NON SI DORME MAI presso C/O Careof alla Fabbrica del Vapore, a Milano in Via Procaccini sabato 14 e domenica 15 maggio 2016 e fino al 20 maggio con Museo Teo artfanzine #38. Pensione Macao


Qui non si dorme mai è insieme esposizione e laboratorio. Un tempo prolungato oltre il ritmo di un sistema omologato. Uno spazio da abitare, arredare, osservare, vivere.
Il gruppo BAUBAUS organizza contesti per la fruizione partecipata dell’arte. Ventiquattro ore di attività dentro e fuori gli spazi espositivi di Careof e del DOCVA in cui il pubblico è invitato all’azione e alla condivisione.
Lo spazio espositivo è proposto come luogo domestico: sala da pranzo, salotto da thè, cucina, ripostiglio, stanza da letto per celebrare rituali di quotidianità conditi ad arte. L’archivio DOCVA
si trasforma in villaggio aperto, in cui montare la tenda per trascorrervi la notte. In questi luoghi, occupati oltre l’orario d’ufficio e trasformati in spazi d’accoglienza per tutti, cenare e
dormire diventano occasione e modo per incontrare e fare l’arte.
Nello spazio espositivo una selezione di lavori già nati e nascenti che rimarranno in esposizione fino al 20 maggio 2016.

La partecipazione è libera. Portate con voi l’occorrente per la notte: sacchi a pelo, materassino, coperte, cuscini. Alla cena e alla colazione ci pensa BAUBAUS.

Partecipano al progetto Mario Gorni e gli artisti Silvia Cini, Sabine Delafon, Giancarlo Norese, Antonio Guiotto (per Carrozzeria Margot), Wurmkos, L.A.M. (Laboratorio d’arte Marmellata), Dipartimento Educazione Fondazione Merz.

PROGRAMMA 14 MAGGIO:
15:00
L’ora del thè
ANIMALE
Wurmkos / L.A.M. (Laboratorio d’arte Marmellata) / Dipartimento Educazione Fondazione Merz- Organizzano il laboratorio del progetto “animale”. Il pubblico partecipa sedendo attorno al
tavolo di lavoro. Segni e forme s’impastano in più mani, emergono immagini che appartengono a tutti.
17:30/20:30
Verso sera
ARCHIVIO DOCVA
BAUBAUS propone una consultazione collettiva dei portfolio d’artista. Il pubblico in un’attività per gruppi si veste da curatore presentando in modo creativo il lavoro di uno o più artisti. Le
opere individuate sono proposte per il prossimo video di CATERINA (progetto a cura di Alessandro Nassiri).
21:00/22:00
La cena
HO FAME
Sabine Delafon - In alcuni piatti in cui è servita la cena, sono stampati cartelli appartenuti a mendicanti. La cena è la circostanza per la domanda “ho fame?”. “Ho Fame’ è in realtà un messaggio, una condizione umana, condivisa da tutti: che sia la fame legata al cibo, la fame di affetto, d’amore, di bellezza, di cultura, di viaggi, tutti abbiamo fame di
qualcosa.” S.D.
22:00/23:00
Dopocena
RITRATTO D’ARTISTA
BAUBAUS dopocena propone agli artisti presenti di posare come modelli. Il pubblico eseguirà i ritratti d’artista. Gli artisti che aderiranno saranno omaggiati del loro ritratto.
23:00/24:00
Davanti al camino
VIDEO DELLA BUONA NOTTE
Mario Gorni presenta, in una calda narrazione di fine giornata, un video dell’archivio DOCVA augurando la buona notte.
24:00/7:30
La notte
VILLAGE
Il DOCVA si trasforma in area da campeggio.
Durante la notte dei video muti sono proiettati fuori dalle finestre del DOCVA. Selezione a cura di Mario Gorni.

PROGRAMMA 15 MAGGIO:
7:30/8:00
Il risveglio
DISEGNO DEI SOGNI
Al risveglio si rispetta il silenzio assoluto. La prima cosa che ognuno fa è un disegno del proprio sogno. Ognuno decide se condividerlo a colazione o lasciarlo nell’intimità dei propri appunti segreti.
8:00/9:00
La colazione
COLAZIONE E SOGNI
A tavola e durante la colazione chi vuole può condividere il disegno del proprio sogno.
9:30 / 12:30
Andare e poi tornare
AVANT QUE NATURE MEURE, I CUSTODI DI ORCHIDEE 1999- 2016 WORK IN PROGRESS
13:00 / 14:30
PRANZO
Il percorso terminerà con il pranzo al ristorante Nuova Viscontea: piatto sociale mongolo “Huo Guo” (L’adesione è libera fino a esaurimento posti e su prenotazione da comunicare in sede di laboratorio sabato 14 - Il pagamento del pranzo è a carico di ognuno).


lost children


LOST CHILDREN IN A WINTER FREAK-LAND

Lost children in a winter freak-land è un progetto di Francesco Flamini & Marco de Barba per SetUp Art Fair, realizzato con la complicità di museoteo+
Dalle combinate energie di un fotografo visionario e un pittore alchemico (anche se loro preferiscono definirsi entrambi visionari e selvaggi) nasce una installazione che si colloca in modo potente ed enigmatico nella jungla urbana bolognese: un lavoro che percorre i quattro lati del casotto che ospita la biglietteria dell’autostazione di Bologna di Piazza XX settembre.
 


Seconda tappa del progetto iniziato con la mostra Yakoi/apparizioni misteriose (che si può visitare presso Camera a Sud nell’ambito di SetUp Plus), Lost children in a winter freak-land trova il suo senso nel desiderio di esorcizzare la crisi del mondo presente, in cui si fondono le immagini di un bosco mutante e i fantasmi di bambini mostruosi. Il risultato è un contesto misterioso e sovra-naturale, al tempo stesso irreale e reale, come reale è la condizione dei bambini sfruttati e violati, ma anche di quelli ipertecnologizzati, in un ambiente bastardo e irrimediabilmente danneggiato. 




SetUp art fair si svolge dal 29 al 31 Gennaio 2016 presso l’Autostazione di Bologna - Piazza XX Settembre, 6 con i seguenti orari: Venerdì 29: 17.00 - 01.00 / Sabato 30: 17.00 - 01.00 / Domenica 31: 12.30 - 22.00

Lost children in a winter freak-land (MixedMedia/Digital Print/installation, Italia 2016 – a cura di Giovanni Bai/ MuseoTeo+) di Francesco Flamini & Marco De Barba è visibile anche oltre questi orari e queste date.

[Special Thanks to: Comune di Bologna - Set Up Fair - Operosa Scarl - Autostazione Spa - MuseoTeo + BDW2016 - STAFF Srl]


Yokai/Apparizioni misteriose di Francesco Flamini& Marco de Barba (a cura di Museoteo+) - Camera a Sud, via Valdonica 5 – Bologna. Fino al 23 Febbraio tutti i giorni dalle 12.all’ 1.



https://www.facebook.com/events/906787809429271/